Contact è un romanzo di fantascienza scritto da Carl Sagan e pubblicato nel 1985.

Attraverso il romanzo l’autore, astronomo, veicola le proprie idee riguardanti molti dei suoi interessi nella vita reale, ed in particolare l’ipotesi di come potrebbe svolgersi il primo contatto con esseri extraterrestri.

Nel 1997 ne è stato tratto l’omonimo adattamento cinematografico, interpretato dall’attrice Jodie Foster.

Ellie è il direttore del “Progetto Argus,” nel quale i segnali provenienti dallo spazio e captati da radiotelescopi nel Nuovo Messico sono analizzati intensivamente per cercare l’intelligenza extraterrestre (SETI).

Dopo un po’, il progetto scopre, effettivamente, la prima comunicazione confermata da esseri extraterrestri, una serie ripetitiva dei numeri primi sino al 261 (una sequenza di numeri primi è un primo messaggio comunemente previsto da intelligenza aliena, poiché la matematica è considerata “un linguaggio universale”, ed è congetturato che le procedure che producono i numeri primi successivi sono sufficientemente complicate da richiedere intelligenza per effettuarli). Un’ulteriore analisi del messaggio rivela che due messaggi supplementari sono codificati all’interno di esso in forme differenti di modulazione del segnale. Il secondo messaggio è un abecedario, una specie di manuale d’istruzioni che insegna come leggere ulteriori comunicazioni. Il terzo è il messaggio vero e proprio, i progetti per una macchina che sembra essere un genere di veicolo altamente avanzato, destinata ad ospitare un equipaggio umano.

Una sottotrama vede Ellie interagire con una coppia di predicatori cristiani, che dibatte in maniera informale l’esistenza di Dio. Applicando il metodo scientifico, dichiara che “non esiste una prova schiacciante che Dio esista… e non esiste una prova schiacciante che Dio non esista.”

Infine, una macchina è costruita con successo ed attivata, e trasporta cinque passeggeri – compresa Ellie – attraverso i buchi neri in un luogo vicino al centro della Via Lattea, dove vengono a contatto con i mittenti del messaggio. Molte delle domande dei viaggiatori trovano risposta.

Al ritorno, i passeggeri scoprono che la loro esperienza che soggettivamente per loro era durata molte ore, sulla Terra era durata solo circa venti minuti, e che tutta la loro registrazione video è stata cancellata, presumibilmente da un certo fenomeno nel veicolo. Rimangono pertanto privi di prove del loro racconto.